Accedi

Corsi e lab

Condotto da 

Sfide: imparare a scrivere, scrivere per imparare

Pubblicato il 23 Febbraio 2024

Argomenti ,

Venerdì 22 marzo, alle 16, la conferenza-laboratorio Imparare a scrivere Scrivere per imparare segna la quarta partecipazione di SMED a Sfide – La scuola di tutti. Intervista ai relatori, Daniela Moretto e Massimo Gonzato

L’intervento formativo Imparare a scrivere Scrivere per imparare condotto da Daniela Moretto e Massimo Gonzato è incluso nel programma di Sfide – La scuola di tutti, il salone dedicato al mondo della scuola che si svolge nell’ambito di Fa’ la cosa giusta a FieraMilanoCity, dal 22 al 24 marzo. Per partecipare occorre iscriversi al sito, selezionare l’appuntamento dal programma, cliccare su “iscriviti ora”, compilare il form e confermare (per facilitare la ricerca, inserire Categoria Evento: Lingua, lingue, linguaggi; Tag Evento: Elementari; luogo: Sala 4). 

Nel programma di Sfide il vostro intervento è presentato come un workshop, un laboratorio. Però prevede la trattazione di alcuni temi ricorrenti nel dibattito pubblico sulla scrittura a mano. Come pensate di condurlo?

Daniela Moretto – Con i responsabili di Sfide abbiamo preferito convergere sulla definizione di workshop, perché di fatto la parte pratica prevarrà su quella, diciamo così, teorica. L’idea è quella di proporre una breve presentazione dedicata al dibattito sulla scrittura a mano, diciamo circa 20-30 minuti, seguita da almeno un’ora di attività utili a comprendere e sperimentare l’approccio alla pratica scrittoria proposto da SMED con il progetto Scrittura Corsiva. La prima parte la conduce Massimo, la seconda io.

È possibile avere un’anticipazione dei contenuti presentati nella prima parte?

Massimo Gonzato – Recentemente sul nostro sito abbiamo pubblicato Il valore di carta e penna, un articolo dedicato al rapporto che la Fondazione Luigi Einaudi ha presentato nel luglio scorso a Roma. Il rapporto si occupa sia di lettura sia di scrittura a mano. Da parte mia, oltre a illustrarne i passaggi-chiave riguardanti la scrittura a mano, voglio far riferimento ad altri progetti internazionali che hanno invece visto la partecipazione diretta di SMED: Handwriting Manifesto, The Briem Report 2022, e Primarium – Handwriting education in primary schools. Lo scopo è offrire alla platea una serie di informazioni aggiornate, autorevoli e verificabili sui benefici della scrittura manuale e una riflessione sul dibattito in corso.

Che attività vengono svolte nella seconda parte dell’intervento?

DM – SMED ha una proposta didattica per la scuola primaria, Scrittura Corsiva. È stata ideata da Monica Dengo con la collaborazione di Laura Bravar e in seguito sviluppata dall’associazione. Il laboratorio che ho in programma propone ai partecipanti una serie di attività utili a comprendere le peculiarità e i vantaggi del nostro approccio alla scrittura manuale.    

È la prima volta che SMED partecipa a Sfide? 

DM – La nostra associazione ha già partecipato nel 2018, 2019 e 2022 con Laura Bravar (Il potere cognitivo della scrittura a mano e Imparare a scrivere a mano? Consigli per un approccio consapevole) e Caterina Giannotti (Il potenziale espressivo delle lettere)

Cosa intendete col titolo che avete dato al vostro intervento, Imparare a scrivere Scrivere per imparare?

MG – Intendiamo alludere da un lato all’importanza pedagogica della scrittura a mano e dall’altro alla necessità di praticarla. Il luogo deputato per l’apprendimento e insegnamento di questa pratica dev’essere la scuola, la scuola di tutti, quella che non lascia indietro nessuno.

    Richiedi maggiori informazioni