Accedi

Didattica

Primarium e la scrittura a mano nella scuola dell’era digitale

Pubblicato il 3 Giugno 2024

Ecco la piattaforma web che raccoglie e organizza le informazioni sull’insegnamento della scrittura manuale nel mondo

In questi decenni di forte innovazione tecnologica anche in ambito educativo, la scrittura a mano, insieme alle modalità e agli strumenti del suo insegnamento e apprendimento, è diventata oggetto di ricerca e dibattito. Non sorprende quindi il recente varo della piattaforma web Primarium – Handwriting education in primary schools, che raccoglie e organizza online informazioni relative all’educazione alla scrittura manuale nelle scuole primarie di una quarantina di paesi, tra cui l’Italia.

In questa schermata compaiono dieci diversi modelli di scrittura legata provenienti da altrettanti paesi. Da segnalare in basso a destra: l’Italica di Monica Dengo e l’Italiuskrift di Gunnlaugur GSE Briem.

Il progetto Primarium è stato ideato e sviluppato fra il 2022 e il 2023 dalla fonderia di caratteri tipografici TypeTogether, con il sostegno di Google Fonts (la libreria gratuita con oltre mille famiglie di caratteri da usare online), della Universidade Federal do Rio Grande do Sul (UFRGS), in Brasile, e di numerosi collaboratori in tutto il mondo. 

Per ogni modello di scrittura è disponibile una scheda descrittiva che riepiloga i dati principal e fornisce degli esempi commentati. In questa schermata è presentata la font Italica, che è oggi patrimonio di SMED e di tutti i suoi soci.

“Della rete dei collaboratori di Primarium – informa la presidente Daniela Moretto – facciamo parte, nel nostro piccolo, anche noi di SMED. E ne siamo onorati, perché pensiamo che questa piattaforma web rappresenti una nuova preziosa risorsa per il mondo della scuola, uno strumento utilissimo per riflettere con maggior consapevolezza sulla didattica della scrittura a mano e i modelli di scrittura alfabetica latina in uso nel mondo.”

Dettaglio di un esempio tratto dalla schermata precedente. I commenti evidenziano che nell’Italica legata la “r” non lega in uscita; la “f” è senza asola od occhiello e si lega in uscita prolungando il trattino orizzontale; il tratto discendente di “g”, “j” e “y” sviluppa un’asola per legarsi alla lettera che segue.

Fondamentalmente Primarium.info vuole rispondere alla domanda: — Come si insegna la scrittura nella scuola primaria nel mondo? E per farlo, documenta e illustra varie modalità di insegnamento della scrittura a mano, da navigare per paesi e per modelli di scrittura. In questo modo appare evidente come l’insegnamento della scrittura a mano si collochi all’incrocio di vari campi specialistici: educazione e politica, storia e cultura, gesto e comunicazione visiva (calligrafia). 

I numeri di Primarium al momento della pubblicazione, nell’estate 2023: più di 30 paesi (oggi sono 40), quasi 70 modelli di scrittura, 60 interviste, 642 interlocutori unici, oltre 60 collaboratori.

Gli autori di Primarium pensano che integrare conoscenze provenienti da più campi “è fondamentale per comprendere e plasmare il futuro della scrittura a mano nell’era digitale”. E che “il design può svolgere un ruolo importante nel supportare gli educatori sviluppando metodi di insegnamento, strategie e strumenti di supporto efficaci per le abilità di scrittura della prima infanzia”. Difficile non condividere queste loro affermazioni e non apprezzare l’impegno che si sono coerentemente assunti: sfruttare le informazioni raccolte per disegnare due famiglie di caratteri per la scrittura a mano, Playpen and Playpen Sans, attualmente in lavorazione.

Cliccando sull’immagine è possibile visionare il video di presentazione del progetto pubblicato da TypeTogether.

    Richiedi maggiori informazioni